• Gabriele Magagnini

DA OGGI LO SPAZIO VISIT INDUSTRY MARCHE HUB

Da oggi a Recanati aperto lo spazio Visit Industry Marche HUB dove sarà possibile conoscere inediti itinerari regionali che uniscono alcune tra le migliori realtà industriali e artigianali della regione con Musei, borghi e città, luoghi paesaggistici e naturali del territorio recentemente scelto tra le migliori destinazioni nel mondo da Lonely Planet. Il nuovo spazio allestito nel palazzo comunale di Recanati, ha la funzione di accogliere il grande flusso di turisti che utilizzano l’unico ascensore che conduce nella celebre Piazza Giacomo Leopardi, valorizzando la vocazione industriale e le bellezze del territorio regionale in un solo colpo d’occhio. Carta, Futuro, Gioco, Lifestyle, Luce, Sapore e Suono sono i percorsi di Visit Industry Marche che richiamano alle aree delle migliori produzioni del manifatturiero, ma anche ai luoghi e alle atmosfere della regione.L’apertura di Visit Industry Marche HUB si inserisce nel calendario nazionale degli eventi della XVIII Settimana della Cultura d’Impresa promossa da Museimpresa. Lo spazio che accoglie questo nuovo HUB territoriale è stato messo a disposizione dal Comune di Recanati mentre l’allestimento è stato promosso e realizzato dall’Associazione Il Paesaggio dell’Eccellenzainsieme al tour operator GoWorlddi Ancona, la società nel campo deli servizi digitali e-Liosdi Camerino e lo studio di comunicazione integrata Madesigndi Pesaro che compongono la cabina di regia dell’intero progetto Visit Industry Marche. Il progetto è cofinanziato dalla Regione Marchecon il bando POR-FESR promosso dal Servizio Sviluppo e Valorizzazione delle Marche - P.F. Beni e attività culturalimirato a favorire l’innovazione e l’aggregazione in filiere delle PMI culturali e creative, della manifattura e del turismo per il miglioramento della competitività in ambito internazionale.



0 visualizzazioni

Via Giuseppe Mazzini, 16, 62019 Recanati MC, Italy

Tel. 071 757 2674

©2019 by Edizioni La Favella Di Paci Francesca. Proudly created by our chinese underpayed graphic designer