• Gabriele Magagnini

FONTI SAN LORENZO, SOCIALI ED EDUCANTI MA SENZA TELECAMERE: PERCHÉ?

LA NOTA DI FRATELLI D'ITALIA

<<Apprendiamo con incredulità dagli organi di stampa locali la decisione dell’Amministrazione Bravi di escludere la zona del parco di Fonti San Lorenzo, e del vicino Circolo culturale, dall’implementazione degli strumenti di video sorveglianza. Una decisione che avviene dopo le rimostranze sollevate proprio dal Centro circa l’uso delle telecamere come strumento di sicurezza. Si badi che non è nostra intenzione scagliarci in invettive ideologiche contro i ragazzi del Circolo di Fonti San Lorenzo che, seppur di matrice politica dichiaratamente opposta, rispettiamo per la loro dedizione e il loro impegno. Chi è che si comporta in maniera insensata invece è l’Amministrazione comunale che, sulla base di un ipotetico “modello” incarnato proprio dall’esperienza del Centro, decide di escludere l’intera area del parco dal progetto d’installazione di nuove telecamere. I motivi per cui contestiamo questa scelta sono molteplici; innanzitutto è passato il messaggio che basta “lagnarsi” con l’Amministrazione se questa valuta un provvedimento sgradito e si ottiene ciò che si vuole, inoltre non sono chiare alcune dinamiche: hanno espresso il loro parere contrario i ragazzi del Centro, ma i residenti? Qualcuno li ha ascoltati o non contano veramente nulla per questa Amministrazione? Quali sono i criteri OGGETTIVI per cui il parco del Quartiere di Fonti San Lorenzo dovrebbe essere esente da video sorveglianza? Quali sarebbero allora i criteri OGGETTIVI, se ce ne sono a questo punto, che hanno determinato l’installazione di telecamere in altre zone? Poi, scusateci Bravi e Nicolini, definite Fonti San Lorenzo “quartiere sociale e educante” come se gli altri quartieri e rioni fossero popolati da vandali maleducati ed incivili? Semplicemente inaccettabile. Ci sentiamo inoltre di affermare che non c’è nulla di “contraddittorio” nel voler tutelare il frutto della “responsabilizzazione diffusa dei cittadini e delle cittadine” con un sistema di sorveglianza che può solo essere un valore aggiunto. Ma la cosa più grave è che non solo, come sempre, si fanno figli e figliastri, ma che proprio chi dovrebbe fungere da esempio ai suoi cittadini, specie quelli più giovani che si danno da fare per la comunità, assecondi quella che percepiamo come una mera presa di posizione ideologica>>.



32 visualizzazioni

Via Giuseppe Mazzini, 16, 62019 Recanati MC, Italy

Tel. 071 757 2674

©2019 by Edizioni La Favella Di Paci Francesca. Proudly created by our chinese underpayed graphic designer