• Gabriele Magagnini

IL CONGRESSO DEL PARTITO DEMOCRATICO DI RECANATI

Giornata importante quella di ieri per il Partito Democratico di Recanati. Riuniti in congresso, gli iscritti salutano con calore il nuovo Segretario Valentina Mordini, intorno alla quale il partito si è stretto, riconoscendo in lei una figura unitaria, giovane e preparata. Ad aprire i lavori il Segretario uscente Andrea Marinelli che riassume la composizione del nuovo Direttivo come un mix di esperienza e innovazione, figure storiche del partito insieme a nuovi volti. Questa la chiave per la ripartenza. A portare il suo saluto all'Assemblea il sindaco Antonio Bravi che, dopo aver fatto una riflessione sul momento politico nazionale, evidenzia come il risultato delle regionali abbia penalizzato pesantemente i nostri territori, soprattutto su temi come la sanità. Poi scende sul piano locale: il suo è un messaggio di grande apertura. " Il nostro cammino deve essere comune. Lasciando da parte rancori personali e concentrandoci sulle tematiche comuni quali lavoro, sociale, cultura". Antonio Bravi precisa in chiusura che se non c'è il Pd non c'è una consistenza governativa e da questa consapevolezza bisogna lavorare sui punti comuni con le forze del centro sinistra. Dopo aver fatto un grande in bocca al lupo a Valentina, saluta tra gli applausi, i partecipanti. Prende la parola il Consigliere Graziano Bravi che ricorda l' esordio dell'impegno politico di Valentina, nella lista civica di Valore e Futuro alle ultime comunali. Questo passaggio nel PD, naturale per lei e per i suoi valori, dovrà essere segnato da un progetto ambizioso, primo fra tutti, allargare la partecipazione all'interno del partito. Riprende il concetto di centralità del PD nel dibattito nazionale e locale, importante perché porta in dote una storia fondamentale per costruire il futuro. Graziano Bravi continua "Il primo obiettivo è ricomporre il centrosinistra a Recanati. Con questo passaggio cambiamo i vertici per ricompattare la sinistra. Anche dal nostro punto di vista come consiglieri non c'è una volontà divisiva pur essendo in minoranza". A seguire Valentina Mordini neo Segretario, presenta la sua squadra che la affiancherà in questo compito di rinnovamento. Le sue parole sono di grande umiltà, rispetto per la storia del Partito e profondità di pensiero. Valentina chiarisce che l'obiettivo più difficile sarà allargare la partecipazione e portare avanti iniziative che consentano di essere vicini al territorio e alle persone. Fondamentale per lei e per il suo lavoro sarà la squadra che l'accompagnerà e che presenta a tutta l'Assemblea. Il direttivo sarà così composto, Roberta Pennacchioni, Stefania Cartellà, Francesca Sabbatini, Gambelli Giovanna, Chiara Nina, Franco Frapiccini, Luca Corsalini, Piero Marini, Fabio Montironi, Alfredo Moretti, Michele Gambini, Emiliano Gasparrini, Emilio Romoli, mentre il segretario uscente Andrea Marinelli ne farà parte di diritto in quanto capogruppo in Consiglio Comunale. Terminata la presentazione del nuovo Segretario, che viene eletto per acclamazione, la giornata prosegue con la votazione del segretario Provinciale: candidati sono Angelo Sciapichetti e Leonardo Catena. Il congresso si conclude con un totale di 47 votanti, di cui ben 43 preferenze ricadono a favore di Sciapichetti e 4 per Catena. In virtù di tale esito tutti e cinque i delegati previsti, Franco Frapiccini, Stefania Cartellà, Luca Corsalini, Francesca Sabbatini, Domenico Pioppi, sono assegnati alla lista a sostegno di Angelo Sciapichetti e andranno a comporre la futura assemblea provinciale.




VALENTINA MORDINI


112 visualizzazioni0 commenti