• Gabriele Magagnini

L'UDC DELLA PROVINCIA DI MACERATA SULLA SITUAZIONE SANITARIA

L’UdC provinciale ritiene che l’attuale situazione sanitaria, con tutte le sue complessità e criticità, non consenta più soluzioni tampone che si limitano a rincorrere i problemi dell’ultima ora, ma imponga una nuova organizzazione di grande respiro strategico, a partire dalla gestione dei bilanci e delle scelte possibili che si possono fare con le poche risorse a disposizione. Immaginiamo la divisione in tre grandi settori: 1- la medicina per acuti gestita da specifiche aziende ospedaliere che nelle Marche andrebbero create anche nelle province del centro-sud della regione; 2- la medicina cosiddetta del territorio con le case della salute, ospedali di comunità, poliambulatori, medici di medicina generale e pediatri di libera scelta; 3- le cure e l’assistenza erogate dalle strutture socio sanitarie e sociali per gli anziani, persone con disabilità, per la riabilitazione, le fragilità e le dipendenze. E’ sempre più evidente che non sarà possibile, già da ora e ancora di più nei prossimi anni, mantenere gli odierni standard qualitativi e quantitativi con gli attuali bilanci. Avremo bisogno di più personale, di milioni di ore in più per prestazioni di ogni tipo, avremo nuove malattie e quindi nuove terapie da applicare, avremo un numero sempre crescente di persone da assistere dato il progressivo aumento della popolazione ultra ottantenne. Sarà necessario un nuovo patto fra le regioni, sopratutto le confinanti, non solo per evitare la stupida concorrenza in essere, ma per realizzare una seria integrazione delle prestazioni offerte, diversificando il più possibile in modo da servire nel modo migliore le popolazioni interessate. Sarà anche necessario avviare un serio contenzioso politico con il Governo centrale perché, al di là dei pur necessari fondi per nuovi investimenti da destinare alle sedi ospedaliere e alle attrezzature diagnostiche e di cura, bisognerà prevedere un consistente aumento della spesa sanitaria, seppur in un rigido sistema di controllo preventivo e di verifica successiva al fine di evitare gli sprechi e le sperequazioni in atto fino a qualche anno fa. Una cosa che ancora non si capisce è perché non venga immediatamente realizzata l’integrazione di sistemi informatici che mettano in rete le aziende sanitarie, i medici di medicina generale, le farmacie e le strutture socio sanitarie: un un’unica anagrafe sanitaria che faccia risparmiare tempo agli utenti e soldi all’erogatore di servizio pubblico o privato che sia. Infine la questione delle sedi ospedaliere che tanto appassiona è a nostro giudizio l’ultimo dei problemi. La preoccupazione di avere l’ospedale nei centimetri di casa propria è nota e vecchia, ma oramai quasi ridicola visto che comunque siamo tutti costretti a prendere l’auto per andare presso una struttura sanitaria e che si fanno spontaneamente decine di chilometri per raggiungere lo specialista o usufruire di quella specifica prestazione che ci rassicura di più, spesso scartando soluzioni vicinissime a noi. La questione delle sedi degli ospedali è già decisa dalla legge Balduzzi, dalle successive finanziarie e dal DM n.70 del 2015. Per la nostra provincia, al momento, è decisa l’esistenza di un ospedale di primo livello a Macerata e di uno a Civitanova Marche, anche se con un numero di specializzazioni diverse, e di un terzo, quale ospedale di base, nelle sedi di Camerino e di San Severino Marche. Anche nelle più rosee previsioni non avremo la nuova sede dell’ospedale di Macerata prima di quattro o cinque anni. Nel frattempo le esigenze di nuovi posti e di nuove specialistiche cresceranno. Le lunghe attese presso il pronto soccorso di Macerata sono dovute anche alla mancanza di posti letto nei reparti dove poter accogliere il paziente che è così costretto ad attendere per uno o due giorni. Sembra banale, ma la soluzione potrebbe essere proprio quella di fare spazio all’interno del nosocomio maceratese: è una questione sollevata molte volte per la quale ancora non si riesce ad avere una soluzione. Sembrerebbe facile decentrare su San Severino Marche, Tolentino, Recanati, Cingoli e Matelica servizi e prestazioni, compresa la chirurgia a ciclo breve e la lungodegenza che potrebbero alleggerire la principale struttura della nostra provincia.



29 visualizzazioni0 commenti