• Gabriele Magagnini

LO STABAT MATER DI PERGOLESI PER IL MEMORIAL GIGLI DOMENICA 24 APRILE ALLE 18, AULA MAGNA DEL COMUNE

Una delle pagine più struggenti e sublimi del repertorio sacro, lo Stabat Mater di Giovanni Battista Pergolesi, sarà al centro del Memorial Gigli per il 132° anniversario della nascita del tenore recanatese. Fu composto pochi mesi prima della morte dell’autore, avvenuta per tubercolosi a soli ventisei anni. Il pensiero va subito all’altro capolavoro della storia della musica, Il Requiem di Mozart, composto, come vuole la tradizione, nelle stesse circostanze.

Fu commissionato al compositore jesino dalla confraternita dei Cavalieri della Vergine dei Dolori di San Luigi al Palazzo di Napoli, per la liturgia della Settimana santa, allo scopo di sostituire la precedente versione di Alessandro Scarlatti, che veniva eseguita già da un ventennio, di cui Pergolesi riprende l’organico vocale del soprano e del contralto.

Lo Stabat Mater, costruito su dodici quadri, ha come momenti di particolare suggestione il brano iniziale, Stabat Mater, con il dolore della Vergine davanti alla croce, il Vidit suum, una riflessione sulla passione di Cristo, e il Quando corpus, con la la speranza della Resurrezione. La cantabilità e la spiccata musicalità, secondo alcuni, ha fatto pensare alla produzione profana di Pergolesi.

Il concerto era stato pensato per gli inizi di aprile ma no è stato possibile per impegni artistici dei protagonisti.

Si tratta di un lavoro didattico dell’Accademia Lirica Beniamino Gigli, pertanto le voci si intercalano nelle varie parti. Gli interpreti sono i soprani: Camilla Console, Ines Epifanio, Federica Priscilla Nicodemo, i contralti: Katia David e Mina De Santis, il Controtenore: Leonardo Saracini. La preparazione vocale è stata curata da Doriana Giuliodoro. Il maestro concertatore, che sarà anche al cembalo e alla direzione della Sinfonietta Gigli, è Riccardo Serenelli.

Ingresso libero su prenotazione Scuola di Musica - Tel 071982821- 3319641255 (ore14/20) giorni feriali e il giorno del concerto fino ad esaurimento posti – Norme anti covid in vigore alla data del concerto.





12 visualizzazioni0 commenti